Vermicino 2.0

La vicenda di Sarah Scazzi, si è conclusa tragicamente in diretta: da “Chi l’ha visto” la madre ha appreso della morte della figlia. Non una notizia secca, una serie infinita di smentite e controsmentite. Cosa peggiore, ha appreso che forse si trovava nella casa dell’assassino, lo zio di Sarah.
Si è esagerato? Si doveva fermare prima? Io non lo so, davvero. Fin dove ci si può spingere?

Rai e Bbc, selezioni per giornalisti a confronto

La Rai Tv assume giornalisti con una selezione pubblica a partire da settembre 2010. Un mesetto per vedere il bando, finora evidentemente coperto da segreto di Stato e per ora abbiamo in mano il verbale Usigrai-Rai che fissa i criteri di selezione. Senza voler fare i polemici a tutti i costi, andiamo a vedere cosa succede in casa Bbc. La tv  britannica di Stato recluta giornalisti (e non solo) in maniera trasparente, semplice. C’è un sito ad hoc, jobs.bbc.co.uk. Certo, ce l’ha anche la Rai, il sito ad hoc, lavoraconnoi.rai.it, ma di giornalisti manco l’ombra.

L’accordo tra sindacato dei giornalisti Rai e azienda di stato prevede una serie di competenze per gli aspiranti giornalisti del servizio pubblico. Di che tipo? Ecco qui:

  • diploma di laurea vecchio ordinamento oppure laurea specialistica o magistrale del nuovo ordinamento, oppure diploma rilasciato dalle scuole di giornalismo riconosciute dall’Ordine purché acquisito dopo il conseguimento di laurea.
  • iscrizione all’Albo dei Giornalisti, elenco professionisti.
  • conoscenza dell’inglese
  • navigazione web e utilizzo software in ambiente Windows.

Noi al giornalista Rai (non si sa di cosa si dovrà occupare il cronista…sport, gossip, politica, salute, spettacoli, cultura?) chiediamo una generica conoscenza della cultura alla Trivial Pursuit, un poco di english e soprattutto l’immancabile “navigazione web in windows”. Una definizione che ci porta dietro di vent’anni.
Dopo le tenebre, la luce: basta andare su quel sito della Bbc e vedere in una delle tante posizioni aperte, quali sono in Uk le competenze richieste:

Skills, abilities and experience required

  • A high standard of editorial judgement, writing ability and production skills based on substantial broadcast journalism experience.
  • Ability to originate and develop programme ideas.
  • A thorough understanding of production methods used in Regional Broadcasting and the ability to use technical and operational skills across Television, Radio and Online as required.
  • A detailed knowledge of the BBC’s Editorial Policy and awareness of legal considerations applying to all types of output.
  • Ability to use financial and technical resources to best effect and to manage programme budgets.
  • Ability to lead staff, giving feedback on performance; a high level of interpersonal skills.
  • A thorough knowledge of the editorial aims and policies of Regional Broadcasting.
  • A keen interest in and thorough knowledge of local, regional and national and, where appropriate international affairs and an awareness of the needs and interests of regional and local audiences.

Gli inglesi dicono al giornalista di cosa si dovrà occupare e cosa serve affinchè svolga decentemente il suo compito. Dev’essere un gioranlista multimediale, trattare su più piattaforme. Questo l’accordo Usigrai-Rai non lo considera nemmeno. Benvenuti nel passato. E no, non è la Bbc.

Viva la Rai, quanti geni (laureati) lavorano solo per noi: il concorso per giornalisti

Insomma, c’è un concorso per assumere giornalisti professionisti in Rai. Per ora il bando non c’è, dovrebbe arrivare a settembre, un mese per presentare la domanda.

Manco fosse un segreto di stato, dobbiamo parlare sulle “anticipazioni” in attesa del bando.
I candidati dovranno (dovrebbero) avere i seguenti requisiti:

  • data di nascita non anteriore al 1/07/1974;
  • diploma di laurea (DL) “vecchio ordinamento”; oppure laurea specialistica (LS), o laurea magistrale (LM) “nuovo ordinamento”; oppure diploma rilasciato dalle Scuole di Giornalismo riconosciute dall’Ordine dei Giornalisti purché acquisito dopo il conseguimento della laurea breve o triennale (L)
  • iscrizione all’Albo dei Giornalisti, elenco professionisti;
  • residenza alla data del 20/7/2010 nella regione in cui si intende partecipare alla selezione.
  • termine presentazione delle domande il 30/9. Esami scritti entro il 15/10.

Prove scritte:

  • test a risposta multipla di cultura generale e su mondo dei media
  • elaborazione di un testo scritto su un argomento di attualità indicato dalla commissione.

Dopo le prove scritte, quelle orali e pratiche:

  • colloquio di cultura generale e sulle specifiche competenze professionali
  • svolgimento di attività di radio-telecronaca/conduzione
  • redazione di un testo e stand up
  • redazione di un vivo/improvvisazione su un tema
  • valutazione sla conoscenza della lingua inglese (e del francese per la redazione di Aosta)
  • navigazione web e utilizzo software applicativi in ambiente Windows

Il discrimine su anno di nascita e laurea quinquennale è stato in anni passati già oggetto di polemiche e tacciato di “illogicità”. Tuttavia il principio è passato, quindi difficilmente cambierà. Cosa strana: questa volta il bando sarebbe aperto anche ai parenti dei dipendenti Rai come ai bei tempi delle “infornate”. Staremo a vedere quando ci sarà il bando ufficiale.