Manifesto, i suoi primi quarant’anni

La prima volta che ho chiesto a mio padre di comprarmi “il manifesto”, avrò avuto quindici anni, lui è tornato dall’edicola piuttosto preoccupato: «Mi ha detto l’edicolante – era un suo amico – che devo stare attento perchè sono giornali “pericolosi”». Il giornalaio era un signore anziano con simpatie destrorse, il manifesto sarebbe diventato un paradosso: per noi che ci saremmo definiti “noglobal” e “nologo”, quel giornale nel tascone del giubbotto era un marchio vero e proprio.

Poi, come tutti i poster e i miti degli anni dell’adolescenza  ci ho litigato un poco e poi ci siamo ripresi. Ma nel mestiere che poi ho scelto di fare, un poco di passione da “manifesto” me la porto dentro, quindi festeggio anch’io questo splendido quarantenne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *