6 Comments

  1. Bravo guagliò!!
    Bella inchiesta. Non mollare… questo è il “giornalismo” che mi piace leggere.

    Rispondi

  2. Oggi niente inchiesta?
    Hai visto le ultime “minacce” in TV di Busiello sul mio blog? Credo che gli arresti di ieri dovrebbero far riflettere sul rapporto perverso che c’è tra questi delinquenti e pezzi del mondo dell’informazione. Invece, a leggere i giornali stamattina, sembra un fatto secondario.
    Così come viene, direi, ignorato il fatto grave che il Napoli Calcio – d’accordo, vittima dell’estorsione – abbia ceduto centinaia di biglietti e privilegi a questi signori senza denunciare. Le indagini, infatti, sono nate su impulso di Digos e Magistratura e solo un mese fa un dirigente della Società ha denunciato minacce. Credo che tuttociò sia grave, ma nessuno lo dice.

    Rispondi

  3. amalia: grazieee

    minollo: ho visto, e sono d’accordo sul fatto del Napoli; del resto i tifosi-capopopolo-pregiudicati-estorsori non sono cosa nuova nella storia del Calcio Napoli. Ed è logico che nessuno lo dica. Un poco come alla Regione, no? : - )

    Rispondi

  4. Non sono d’accordo.
    Perché sulla Regione la tua inchiesta (e tante altre) è la dimostrazione che si scrive. Ed è giusto che sia così.
    Sul Napoli che paga il pizzo a 5 questuanti, oggi, mi sembra che abbia scritto in maniera chiara solo G. Abate ma senza infierire nei titoli. Questo a me sembra grave, ripeto.

    Rispondi

  5. A proposito di spese poco accorte…
    Vieni a leggere cosa ho scoperto

    Rispondi

  6. Ottima, Minollo. O meglio, è gravissimo (ma non mi stupisce dalla Provincia…(

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *