Il Partito democratico e il bambino col pallone

L’ufficio tecnico amministrativo del Partito Democratico si comporta come quei bambini chiattoni e proprietari del glorioso Super Santos che al momento della inevitabile – ma per loro inattesa – sconfitta prendevano la palla e dicevano: non gioco più. Del resto, meglio una figura di merda ora che una alle primarie.
Resta da capire quale individuo sano di mente consideri valide delle consultazioni su queste basi. Ma poi, dico io, com’è possibile avere paura di Pannella, Di Pietro e Furio Colombo?
A questo punto propongo Sbirulino come outsider di Uòlter.

3 Comments

  1. ma veramente credete che fondando un nuovo partito (un altro!) con gli stessi uomini riciclati cambiera qualcosa? che pena!

    Rispondi

  2. Per Gipi
    Sei il fumettaro?

    Rispondi

  3. ufficio stampa 4 Agosto 2007 at 20:33

    Il giornalista romano ha rinunciato in extremis alla candidatura

    Antonello De Pierro non correrà più per la guida del Partito Democratico

    Il direttore di Italymedia.it e storico conduttore di Radio Roma, oltre che leader del movimento

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *