washington post

Il Water(gate) è poco e la papera non galleggia

Per la serie “caduta degli dei”: ecco che il Washington Post, quello di Woodward e Bernstein, di Gola Profonda e “Nixon resigns” finsce nei guai per aver ipotizzato di organizzare cene a pagamento fra giornalisti e lobbisti. Del resto   la vita è dura per tutti. Certo, a confrontare con conflitti e cenette dell’editoria italiane vien Continue reading Il Water(gate) è poco e la papera non galleggia

Quando li tieni per le palle, cuore e mente seguiranno

In Italia i soloni della carta stampata campano duecento anni e continuano a scrivere anche quando probabilmente non hanno più nulla da dire. Negli Usa capita che Bob Woodward*, l’uomo del Watergate, per motivi di crisi aziendale al Washington Post, finisca nel listone dei 100 pennivendoli vecchiardi di cui disfarsi. Senza patemi, senza che nessuno Continue reading Quando li tieni per le palle, cuore e mente seguiranno