giancarlo siani

Casomai vi chiedeste il perché di un coordinamento dei giornalisti precari della Campania

C’è un mio omonimo, proprio nome e cognome uguali, che si è ammazzato, qualche mese fa: aveva per l’ennesima volta perso il lavoro. Ci ho pensato spesso negli ultimi mesi, quando, nell’imbarazzante egosurf, è capitato che mi cercassi su Google. Cercare se stessi, trovare il nome uguale e una vita diversa. Ma cosa l’ha resa Continue reading Casomai vi chiedeste il perché di un coordinamento dei giornalisti precari della Campania

Fidel ‘o milionario e il giornalista tout court: piccola rassegna

«Secuestro estilo camorra», rapimento in stile camorristico: così scrive la blogger cubana Yoani Sanchez, quando racconta di esser stata rapita. Dice che ha pensato a “Gomorra”, mentre accadeva. Faccio mente locale: in “Gomorra” non mi pare vi fossero rapimenti. E la camorra  (che di azioni ne genere ne conta tante quante sono le dita della Continue reading Fidel ‘o milionario e il giornalista tout court: piccola rassegna

Giancarlo Siani, cinquant’anni fa

«Erano più colorate le strade di Napoli, più ricche di bancarelle improvvisate di chioschi di acquaioli, più affollate di gente aperta al sorriso». Così Eduardo  De Filippo ricordava Totò, il giorno in cui il “Principe della risata” morì. Che Napoli era il giorno in cui nacque Giancarlo Siani? Quella del giorno in cui morì la Continue reading Giancarlo Siani, cinquant’anni fa

E io ti seguo. A Fortapàsc

Ho visto “E io ti seguo” e “Fortapàsc” a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro. Però prima di iniziare a parlarne, vorrei soffermarmi sulle locandine. Quella del film di Maurizio Fiume ha un inciso, che il Giancarlo Siani del suo film ripete ad un collega: «Io non voglio conoscere la verità, ma mi piacerebbe poterla Continue reading E io ti seguo. A Fortapàsc