Napoli spiegata velocemente a chi ritorna per l’estate

 

 

 

 

 

 

Siccome dicono che a Napoli non ci sono più le politiche sociali perché si mangiano tutti i soldi, voglio aiutare io con un supporto psicologico e giornalistico tutti coloro che si apprestano al ritorno estivo in città, magari perché lavorano fuori regione o all’estero.
Tranquilli! Vi spiego che è successo recentemente così non dovete chiedere ai parenti e potete buttarvi nella discussione sapendo già tutto.

1. Il fatto della camorra e di Gomorra
Allora, vi voglio spiegare: non è che la camorra non esiste più. È come l’amico della Signora Rinascente. Esiste, solo che lei non lo sa. L’hanno confusa. Gli hanno fatto credere di essere la sceneggiatura di una serie tv.
Voi non preoccupatevi: si uccide ancora. Dalla parte di Miano, per esempio, stanno belli inguaiati. Di recente hanno arrestato degli imprenditori che vivevano a Posillipo ma poi facevano begli affari coi clan di San Giovanni a Teduccio. Quindi non vi lasciate condizionare dai vostri amici del Nord, ribadite con forza: non è vero, la camorra ce l’abbiamo ancora. Non gli abbiamo fatto alcuna scortesia e lei è ancora qui tra noi, è ovunque. Come sempre.

2. Ma che è sto fatto di quelli che fanno sesso in piazza San Domenico?
Mammamia come siete morbosi (senti chi parla). Non è che questi hanno fatto sesso perché volevano fare le oscenità. Niente affatto. Come dice il nostro sindaco: qui stiamo pieni di turisti. E dunque gli alberghi sono aumentati di prezzo. Povera gente, che poteva fare? Mo’, con tante oscenità del centro storico di Napoli (degrado, abusivismo, microcriminalità) vuoi vedere che ci dobbiamo scandalizzare per una sveltina di 30 secondi?

3. È vero che a Natale piazzeranno un altro cazzimbocchio* enorme al Lungomare?
Sì, è tutto vero. L’anno scorso fecero l’albero di Natale? Mo’ vogliono fare il corno rosso. Però a me hanno sempre detto che il corno porta bene se ha la punta rivolta verso il basso, tipo che ‘scarica’ a terra tutte le maledizioni. Invece questo avrà la punta in alto, tipo parafulmine. Non voglia mai iddio viene una tempesta…

*Cazzimbocchio: elemento ingombrante dall’inequivocabile forma fallica

4. Ma hanno dato la cittadinanza onoraria a Maradona?
Si. Non so se è vero che lo pagheranno o meno (non c’è ad oggi uno straccio di carta del Comune alla faccia della trasparenza). Di certo il 5 luglio ci sarà una festa in piazza Plebiscito.
Io qualche tempo fa ho scritto che, con tutto il rispetto, per un uomo che fu immortalato – consapevole – in una vasca da bagno coi boss del clan Giuliano (non è che in una vasca vai con uno sconosciuto e che cazzo…) la cittadinanza è un atto eccessivo. Bastavano una medaglietta di ottone e due paste da Scaturchio. Non c’entra niente la passione sportiva.

5. Devo sapere se ha aperto una pizzeria nuova a Napoli.
No, non mi pare. Cioè forse ha aperto qualcuno ma alla fine non è cambiato niente, la pizza è sempre con la mozzarella, non vi mangiate la sfogliatella quando fa caldo perché c’è la ricotta.
Mo’ a Napoli si porta assai il “panino gourmet”. Che enorme stronzata.

7. Se scendo a Napoli tutto il mese mi conviene fare l’abbonamento a metro e bus?
Ma sei pazzo/a? Non fare niente, fattela a piedi. Nientedimeno la metropolitana a Piscinola la sta studiando la Nasa, pensavano fosse una nuova cometa che passa ogni 110 anni…

7. Ma chi è LIBERATO?
Secondo me è Livio Cori.

Ringrazio la buonanima di Massimo Troisi per avermi ispirato, come sempre.


«Cresci sano e fammi raccontare»
Una canzone di Pino Daniele ci sta bene

A robba mia (Ferryboat, 1985) è una delle canzoni che secondo me coniuga meglio l’italiano, il napoletano e il fraseggio inglese di Pino Daniele. Ironica sul presente, tagliente, non dimentica la tradizione e guarda al futuro. Scende benissimo, come un boccale di birra quando fa caldo. È il miglior Pino Daniele.

e allora don’t cry no more
a quant’o vvine e mo’ ‘a chi ‘o vvuo’

«A quant’o vvine» e «‘a chi ‘o vvuo’» sono due frasi tipiche bellissime. «A quanto lo vendi» significa ma cosa/quanto credi di valere, ma chi ti credi di essere? «Da chi lo vuoi» significa sostanzialmente: a chi vorresti addossare colpe che sono solo tue?

…E po’ che mazzo
si ‘ncuntrassemo a Gesù
ce jessemo a ‘mbriaca’.

E se poi incontrassimo Gesù andremmo con lui ad ubriacarci…

Nuje cuntavemo
‘e ritrattielle ‘ncoppa
‘e grade erano nere
‘e mmane e ‘o riesto
statt’accorto nun t’o scurda’

I ritrattielli erano le figurine dei calciatori e questa strofa sembra quasi omaggiare i “Guaglioni” di Raffaele Viviani, questi però sono ragazzini degli anni Settanta, sui gradoni neri dei vicoli mentre al mare i fumi del porto e degli scarichi e carichi di sigarette di contrabbando sono incessanti e dall’altra parte, a Bagnoli, l’altoforno mangia carbon coke e vomita acciaio in forma di fuoco.

«‘A ggente è stretta ‘e mano» come per dire che è poco generosa. E poi un capolavoro, una strofa che per me è meravigliosa, mi fa emozionare. Ascoltatela e leggetela insieme a me col ritmo della musica:

Primma ‘e figli se crescivano
c’o mare uno passo
a mano a mano se purtavano a campa’
nun me fa penza’

Prima i figli si crescevano col mare a un passo, a mano a mano, gli si insegnava a vivere e cavarsela da soli, non farmici pensare.

Sono echi di frasi di donne che tra un vicolo e l’altro parlavano e incantavano il giovane Pino. Lo so perché sono cresciuto pure io con queste frasi, la signora affianco, quella di fronte, le chiacchierate e io bambino ad ascoltare i luoghi comuni e la saggezza popolare.

Chi è di Napoli e ha la mia età può capire. I figli prima si crescevano col mare di fronte, pensa all’Ottocento di via Santa Lucia quando il borgo di pescatori affacciava a mare, pensa a San Giovanni a Teduccio, terra di scogli e onde e maestrale fresco. L’urbanizzazione novecentesca e la speculazione che hanno staccato Napoli dalla natura di città di mare (che non la bagna più! Anna Maria Ortese!).

Oggi scinne c’a paura, sissignore!
‘a quantu tiempo faje ammore
crisce sano e statte ccà
famme raccuntà.

Oggi scendi e fa paura, sissignore, i mariuoli la camorra.
E poi le domande delle vecchie nei vicoli? Da quanto tempo sei fidanzata? Cresci sano! Resta qui, resta a Napoli.

E fammi raccontare, fammi raccontare. Che è la cosa che pure noi che scriviamo, parliamo e ci sbattiamo tutti i giorni.
Speriamo che restate e che restiamo qui, speriamo che se pure siete lontani vi interessa ancora quello che succede tutti i giorni a noi, quello che succede tutti i giorni alla tua Napoli.