Giorgio triste, solitario y final

– Giorgio, ma che hai? Non dormi? T’ha fatto male un’altra volta il pangasio?
– ….Clio c’è un problema tra la gente. Come ‘a pubblicità della Coop.
– Almeno potresti parlare! Sono tua moglie, non sono Crimi.

PARLARE? PARLARE?  E che ti debbo dire? Anzitutto hai fatto la valigia? Io da qua ME NE VOGLIO ANDARE. Ti ricordi quando dicemmo “ma no, poi restiamo comunque a Roma… si sta bene, poi il gatto si traumatizza se lo trasferiamo?” Ecco, manco p0′ cazzo! Me ne vado, Clio, me ne vado ngoppa ‘a Stromboli, nun voglio sape’ chiu’ niente.
– Calmati, Giorgio. Ti faccio il bicarbonato…
– Ma quale bicarbonato e bicarbonato, qui per scendere questo casatiello che mi stanno facendo mangiare ce vo’ l’acido muriatico, lo sgorgalavandini! Ma mo’ chiste che vonno a me? Volevano fa ‘o governo, o governo e come cazzo lo fai il governo, nun t’ha vutato manco mammeta e vuoi il governo da me? ‘O fai cu Berlusconi altrimenti vai a casa. Chillo mo’ ha detto che vuole mettere uno dei suoi qui. Ma quando mai, io lo so, io lo so, vuole venire lui ngoppa ‘o Quirinale. L’ultima volta che è venuto qui ti ricordi come guardava le tende? Le guardava come per dire: mo’ vengo io e cambio le tende. E io nun te faccio cambia’ manco ‘o cazzo, piuttosto faccio senatore a vita a Gigi d’Alessio e ‘o faccio fa a isso ‘o presidente. Io non ce la faccio più portami via di qui, la mattina non posso guardare ‘o telegiornale mi sale l’acidità. L’unica soddisfazione è a vedere a chillu scemo che dorme dentro ‘o Parlamento, poi ero io Morfeo, eh? Non mi sono addormentato nemmeno quando facevano i convegni dell’area migliorista a San Giuseppe Vesuviano, io!

– Facciamo una cosa, appena è finito tutto ti fa un bel viaggio e poi scrivi un bel libro sull’Italia…

– Ma pure tu mo’ mi vuoi veder morto a me? E che  scrivo?  Che nientedimeno questi quattro bomboloni pieni di crema sono ancora convinti che possono governare senza fare ‘na figura ‘e merda? Vai, vai, governa cu Berlusconi. Appena esce un altro bunga bunga che dici, per difenderlo: no ma quale bunga bunga chell è mia sorella, si vogliono bene, se vonno spusà? Tu capisci, Clio, questi stanno ubriachi senza bere. Ho detto a Pier Luigi, ma quale birra e birra, tu devi abbuffarti di vodka e limoncello e poi devi fare capa e muro cento volte, tu dovevi vincere. E mo’ non solo perdi a Palazzo Chigi ma fai pigliare ‘o partito al guagliunciello di Firenze. Mammamia, fammene andare prima che ciò accada, povero a quel martire che viene dopo di me…

– Speriamo che viene uno buono.

UNO BUONO? CI VUOLE NU PREVETE RICCHIONE, QUI, LO CAPISCI? Meglio una femmena, Clio, perché ci vuole una che allucca e si fa sentire. Quando viene ‘o comico cu tutta ‘a tribù deve pigliarlo cu na mazza ‘e scopa e deve dire SONO IO LA PRESIDENTE E BASTA CU STU BURDELLINO.
– Promettimi una cosa
– Tutto quello che vuoi.
– Basta col pangasio. Sono ancora ‘o presidente, fai arrivare una bella paranza di pesce fritto ma leggero leggero cu nu grande limone schiattato sopra e poi  una bella zuppa di cozze con il forte…
– Giorgio costa troppo, poi la frittura…si sente la puzza di pesce e i Cinque Stelle dice che noi appestiamo tutto ‘o Quirinale e invece noi siamo cittadini dobbiamo mangiare leggero.
-… nientedimeno mi state facendo rimpiangere ‘o comunismo.
– Dai, Giorgio NON SEI MAI STATO COMUNISTA!
– Eh, vaglielo a spiegare tu a sti quattro scemi…E mo’ fammi pazziare al cruciverba ngoppa ‘o telefonino.
– Ruzzle, Giò. Si chiama Ruzzle.

 

4 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *