Giornalismi generazionali

Alla fine il risultato  preciso è stato questo: favorevoli 158, contrari 57 e astenuti 20. Ma capirete, col caos che c’era qualche voto può pure sfuggire. Vabbè, comunque è andata e ci sarebbe da discutere ore e ore sul nuovo contratto giornalistico. Potrei parlarvi di scatti d’anzianità, contintgenza, ammortizzatori sociali, Inpgi, CdR, distacchi e sanzioni disciplinari. Non lo farò ora, però.

Partiamo da lontano. Da Perugia: mentre ieri all’Ergife Hotel si consumava l’ultimo atto che prelude al sì al contratto (ci sarà un referendum nelle redazioni ma è solo un atto politico, non è tecnicamente vincolante) a Perugia c’era il Festival Internazionale del Giornalismo. Beh, veramente io volevo anche andarci – domani si parla di Giancarlo Siani – tuttavia era doversoso guardare al contratto, da buon sindacalista. In Umbria c’erano blogger, colleghi inglesi, americani, direttori di riviste e giornali,  si discuteva di AgoraVox, di micro blogging, di pagare per la singola inchiesta su web anzichè per il vecchio e ormai agonizzante (?) giornale cartaceo; all’Ergife si decideva di come mandare avanti lo sgarrupato sistema editoriale italiano. Paradossale: l’ottimismo di Perugia sul futuro che ho letto da alcuni blog è sconvolgente se penso a quel che ho sentito io al sindacato. La crisi del Gazzettino, i tagli al Mattino di Napoli; Il Sole 24 Ore vacilla e taglia i compensi ai collaboratori; un pianto greco collettivo.

Nei commenti al live blog ce n’è uno di un caro amico  e collega che provocatoriamente suggerisce una moratoria alle iscrizioni all’Ordine dei Giornalisti, viste le migliaia di  professionisti sfornati ogni anno, nonostante una crisi che non garantisce nemmeno i “garantiti”, figuriamoci i precari. D’altro canto, come poter impedire ad una persona di fare quel che vuole nella vita?
Ordine e Sindacato: ogni volta che vado ad un evento promosso da Fnsi o dall’Odg, non posso non notare l’acredine fra i due organismi, l’uno sindacale l’altro ordinistico, che dovrebbero tutelare i giornalisti e invece spesso non collaborano, litigano anzi. Non conosco le ragioni politiche profonde, ma è preoccupante. E soprattutto  si stanno mettendo in condizione che qualcuno dica, un domani non troppo lontano che “uno di loro è di troppo”. E amen.

Ieri attraverso twitter ed un plugin che riversa sul blog wordpress le “twittate” mi sono prodotto nel mio primo live blog, divertendomi. Sul palco ad un certo punto è salito un tizio che, scandalizzato, se l’è presa con quella parte del contratto sui sistemi di “videoscrittura”. Io intanto col culo su una comoda poltroncina e un telefonino, facevo la mia diretta web. Se vogliamo il solco generazionale fra giornalismi  è tutto qui.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *