4 Comments

  1. E’ una storia terribile.
    L’Italia è in emergenza umanità.

    Rispondi

  2. Buongiorno.

    Il Gruppo Carrefour Italia è profondamente sorpreso e sinceramente dispiaciuto dell’accaduto riferito dalla Signora, fatto che non rientra assolutamente nelle nostre filosofie e nei comportamenti dei nostri collaboratori.

    Non possiamo che confermare che il nostro costante impegno è rivolto alla soddisfazione dei nostri Clienti, al totale rispetto delle loro esigenze ed aspettative, dai più piccoli ai più grandi.
    L’etica è alla base della nostra attività e condizione imprescindibile del comportamento dei nostri collaboratori.

    Il tour Disney Cars, realizzato presso il Carrefour di Assago e programmato in altri ipermercati della nostra rete che ne fanno da cornice, rientra pienamente in questo nostro impegno: abbiamo voluto offrire ai bambini ed alle loro famiglie un momento di divertimento.

    Affinché i piccoli frequentatori degli ipermercati potessero vivere per un attimo dentro la “favola”, l’organizzazione è stata curata nei minimi dettagli, anche attraverso l’ausilio di società esterne. Tutte le persone coinvolte sono state adeguatamente selezionate ed informate circa la filosofia aziendale ed i comportamenti necessari.

    Abbiamo preso contatto con la Signora con la volontà di approfondire l’accaduto affinché ogni responsabilità accertata venga punita con il massimo rigore.

    Ci auguriamo peraltro che un singolo sfortunato episodio non pregiudichi il rapporto di fiducia che siamo riusciti a costruire con le migliaia di Clienti che ogni giorno frequentano i nostri punti di vendita e che ci scelgono anche per i valori che contraddistinguono la nostra insegna.

    Molti cordiali saluti

    Gruppo Carrefour Italia

    Rispondi

  3. Dopo la lettera “di maniera” della Carrefour sarebbe interessante sapere il seguito…

    Rispondi

  4. […] Oggi Carrefour è di nuovo alle prese con una indignazione collettiva: qualcuno ha scoperto che faceva segnalare tra i “disservizi” la presenza di nomadi in prossimità degli ipermercati. Dico “oggi” perché tornando indietro con la memoria, mi torna alla mente quest’altro episodio. […]

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *