Ordine dei Giornalisti, sito web off limits

Da giovedì scorso il sito internet dell’Ordine dei Giornalisti nazionale è fuori uso, a causa di un attacco informatico con annesso defacciamento, come documentato da quest’articolo di downloadblog.
Mi chiedo come sia possibile che un Ordine nazionale faccia passare così tanto tempo prima di rimettere in sesto il suo sito web. Non bastava un backup?

***

A Napoli si respira, invece, aria di nuovo: Ottavio Lucarelli eletto presidente (dopo 19 anni di monarchia).

16 comments

  1. Lucarelli l’ho visto ieri al Tg3! Non sono giornalista ma già da come ha parlato si capisce che è per la discontinuità.

    Rispondi

  2. @ Ciro:
    Non voglio “infierire” ma leggo (solo) su Prima di problemi a E-Polis, con stipendi fermi e letterina di Cipriani ai giornalisti “aiutateciatenereduro”.
    Mi dispiace, è vero?

    Rispondi

  3. Angelo, non so cos’abbia scritto Prima Comunicazione, ma va tutto ok.

    grattatio pallorum omnia mala fugat

    Rispondi

  4. Ps: mica sai dove reperire il pezzo di Prima? Non riesco mai a trovarlo a Napoli. Gracias

    Rispondi

  5. @ Ciro:
    1) il pezzullo di Prima è nel Borsino con le faccine. Ora non ho con me il giornale. Stasera te lo ricopio: sono poche righe.
    2) ma la lettera di Cipriani ti è arrivata o no?

    Rispondi

  6. Caro Angelo, ti ripeto: è tutto assolutamente regolare dalle mie parti. E lo dico stringendo il corno con convinzione e pronunciando le parole magiche: scio’ scio’ ciucciuve’ 🙂

    Rispondi

  7. @ Ciro:
    forse i problems sono segnalati altrove. A stasera (ti ricopio il rumor di Prima).

    Rispondi

  8. C’è qualcuno che ha letto “Raccapriccio
    Mostri, papere e scelleratezze della stampa italiana” (Aliberti editore, € 10, a cura dell’agenzia Perroni & Morli con disegni di Christian G. Marra)? Ne scrivono su Exibart riproducendo delle cose incredibili…
    s

    Rispondi

  9. caro ciro,
    ri-passavo di qui dopo tanto tempo. mi dispiace dirtelo ma angelo ha ragione, anche dalle tue parti le cose non vanno bene. la letterina di cipriani è arrivata anche a me. ma, ovviamente, a non prendere i soldi non sono i giornalisti a contratto…sono OVVIAMENTE i collaboratori. toh, guarda un po’…

    Rispondi

  10. @ Ciro:
    Grazie. Qui ti ricopio il flash di Prima a pag. 147 del numero in edicola (rubrica Trend-chi sale e chi scende, con faccina triste…):
    Il progetto E-Polis, cioè quello di una catena di giornali cittadini completi ma gratuiti, sta cigolando sui cardini. Ci vorrebbe un po’ d’olio, ma quella che dovrebbe fornirlo, cioè la E-Polis Media, concessionaria di casa subentrata a Publikompass, non è in grado di farlo. Non ancora almeno. E per questo il 6 giugno il direttore Cipriani ha inviato a tutti i collaboratori, che da cinque mesi non vedono una lira, una insolita lettera, tossica nei contenuti quanto gentile e amichevole nella forma, dove si ammettono le difficoltà finanziarie in questa fase di start up, si riconoscono gli ingiusti ritardi nei pagamenti, di cui si promette la liquidazione al più presto, e intanto di chiede di “venirci incontro e avere pazienza per il bene comune”.

    Rispondi

  11. Sìsì, mi sono informato, grazie. Però, se sei d’accordo, siccome non mi piace parlare 24 h al giorno dell’azienda (dove, ti garantisco, per quanto mi concerne va tutto bene) preferirei smetterla qui. Pure perché c’è sempre qualcuno che cerca di soffiare sul fuoco, intelligenti pauca 🙂 Un abbraccio

    Rispondi

  12. @ Ciro:
    Sorry. Te l’ho copiato xchè me l’avevi chiesto (e te l’avevo preannunciato).
    Fin da subito ti avevo scritto che mi dispiace (stimo Grauso da prima di EPolis). Buon lavoro (via mail ti scrivo su altro). AV

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *